Yoga Laico

Pratico Hatha Yoga da molti anni e spesso mi sono trovato a dover combattere contro stereotipi di vario tipo per far capire che cosa realmente sia il mondo dello Yoga.

Credo nella necessità di laicizzare l’Hatha Yoga perchè la vedo un’operazione di profonda onestà. Lo Yoga è stato ricoperto e travestito di molte caratteristiche che in verità non appartengono all’universo culturale della disciplina fondata da Patanjali e praticata dall’essere umano da quasi 5.000 anni.

Uso non a caso il termine Laico e l’azione del laicizzare proprio per ripulire lo Yoga da tutti quegli stereotipi che gli sono stati appiccicati addosso e riportarlo alla sua natura di “metodo scientifico”, insieme di azioni e tecniche da applicare per portare la funzionalità dell’essere umano al suo livello massimo, al livello di Dio.

Il mio punto di partenza è l’illuminante descrizione che Mircea Eliadefa dell’operazione di aggiogare resa possibile dalla disciplina dello Yoga:

“Lo sforzo dell’uomo, la sua autodisciplina,
con cui può raggiungere la concentrazione dello spirito,
prima ancora di chiedere l’aiuto della divinità”.

In questa frase potremmo dire che è racchiusa tutta l’essenza del rapporto tra la disciplina dello Yoga e la Religione e il Divino.
Lo Yoga è una religione? Ci chiede di credere in qualcosa? Assolutamente no! Lo Yoga è il sistema di tecniche che permette, se praticato correttamente, il raggiungimento della massima funzionalità dell’essere umano prima ancora che egli si rivolga, per il raggiungimento del punto massimo del suo sviluppo, all’intercessione divina.

È pratica, è terra, è umano.

È una disciplina che nasce come scienza e come tale è ad uno dei livelli massimi di modernità, poiché è profondamente laico e profondamente spirituale.

Nessuno dei testi storici fondamentali sullo yoga si pronuncia sul divino descrivendone le fattezze o le caratteristiche.

Il divino nella tradizione dello yoga è un punto a cui arrivare,

è uno stadio della funzionalità dell’essere umano,

non esiste fuori da me e non ci devo credere: il divino è me quando riesco a fare esperienza di ciò.

A tal proposito mi hanno sempre lasciato molto perplesso quei gruppi di pratica che danno un nome al loro stile inserendo la “parola” Yoga ma che, poi, chiedono di credere in energie e divinità fatte in un certo modo ed esistenti da qualche parte laggiù o lassù!

Nello Yoga non c’è da credere a niente, semmai esiste proprio il contrario, cioè il non credere ma il ricercare, la curiosità, il dubbio continuo del ricercatore che cerca dimostrazione per ogni cosa che sperimenta e che scopre attraverso la sua pratica.

Lo Yoga è laico perchè è studiare Dio dentro di me e solo riportandolo alla sua laicità lo si può aprire al maggior numero di persone e diffonderlo, diffondendo la cultura dell’amore, della fratellanza e della cooperazione non violente.


3 pensieri su “Yoga Laico

  1. Pingback: Yoga laico è a impatto zero! Diffondere la cultura della Non Violenza diminuendo le emissioni di CO2! | Yoga Laico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...